San Ferdinando è “plastic free”. Puttilli: «Necessario diminuire la percentuale di rifiuti dannosi per l’ambiente»

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - Con Ordinanza Sindacale n. 21 del 18.03.2019 (leggi), il Sindaco Puttilli ha emanato tutta una serie di disposizioni alle attività commerciali al fine della riduzione dell’impatto ambientale della plastica in San Ferdinando di Puglia:

a) gli esercenti sul territorio comunale le attività commerciali, artigianali, e di somministrazione alimenti e bevande, a decorrere dalla data di efficacia della presente ordinanza, non potranno distribuire ai clienti sacchetti per la spesa monouso in materiale non biodegradabile;

b) gli esercenti sul territorio comunale le attività commerciali, artigianali, e di somministrazione alimenti e bevande, a decorrere dalla data di efficacia della presente ordinanza, potranno distribuire agli acquirenti, esclusivamente, Cotton Fioc, Posate, Piatti, Bicchieri, Sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile e Bottiglie in Vetro (con vuoto a rendere) o in materiale biodegradabile e compostabile;

c) i commercianti, le associazioni, gli enti in occasione di feste pubbliche e sagre potranno distribuire al pubblico, visitatori e turisti, esclusivamente, Posate, Piatti, Bicchieri, Sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile e Bottiglie in Vetro (con vuoto a rendere) o in materiale biodegradabile e compostabile;

d) i distributori automatici di bevande dovranno utilizzare esclusivamente bottiglie in materiale biodegradabile e Bicchieri in materiale biodegradabile e compostabile;

e) inserire nei capitolati di gara (esempio mensa scolastica) la messa a bando della plastica.

Tempo centoventi giorni dalla sua pubblicazione, l’Ordinanza avrà efficacia su tutto il territorio comunale. (Video)

«L’Unione Europea - ha dichiarato il sindaco Puttilli - ha emanato nel corso del 2018 specifiche direttive aderenti alla “strategia europea della plastica” al fine di una riduzione sensibile in tutto il territorio dell’Unione dell’uso delle bottiglie in plastica per bevande, delle stoviglie in plastica monouso quali piatti, bicchieri, posate, cannucce, mescolatori di bevande monouso, stecche per palloncini, cotton fioc non biodegradabili, quale precipuo intervento atto a contribuire alla salvaguardia del mare, dei laghi e dei fiumi; le Amministrazioni locali devono attivamente impegnarsi per raggiungere gli obiettivi di raccolta differenziata finalizzata al riutilizzo, al riciclaggio e al recupero delle frazioni organiche e dei materiali recuperabili riducendo in modo sensibile la quantità di rifiuti secchi indifferenziati da conferire nelle cosiddette discariche tanto più in quanto, in caso di mancato raggiungimento dell'obiettivo previsto dalle norme di settore, la tassa sulla raccolta rifiuti sarà destinata ad aumentare, con ulteriore aggravio delle sanzioni per i Comuni che non sapranno rispettare gli obblighi previsti; i costi di conferimento ricadono interamente sul bilancio contabile comunale e sul bilancio ecologico di tutto il territorio con ulteriore aggravamento, più in generale, dei processi industriali di smaltimento; sia lo smaltimento che il recupero debbono trovare un giusto equilibrio tra costi e benefici con riduzione dei movimenti dei rifiuti stessi in modo da garantire un alto grado di protezione dell’ambiente e della salute pubblica, secondo criteri che privilegino l’efficacia, l’efficienza e l’economicità del servizio, nonché il coordinamento con la gestione delle altre frazioni di rifiuto; abbiamo inteso, come Amministrazione Comunale di San Ferdinando di Puglia, prefiggerci le seguenti finalità: diminuire la percentuale di rifiuti dannosi per l’ambiente, a favore di utensili riutilizzabili; diminuire il ricorso a materie prime non rinnovabili (petroli); salvaguardare l’ecosistema quale fonte di inestimabile ricchezza; orientare e sensibilizzare la comunità verso scelte e comportamenti consapevoli e virtuosi in campo ambientale».

YLENIA NATALIA DALOISO