Sole & Natura

La startup Mosaic Software vince DigithON 2019: la tecnologia pone il paziente al centro della cura. Leone: «Investire in innovazione e ricerca»

BISCEGLIE - La startup Mosaic Software - che usa la tecnologia per porre il paziente al centro della cura approfittando di Intelligenza Artificiale (AI), Machine Learning (ML) e Natural Language Generation (NLG) - ha vinto la quarta edizione di DigithON, la più grande maratona digitale italiana, a cui hanno preso parte oltre 350 giovani imprenditori digitali provenienti da tutta Italia. (Video 1 - Video 2)

Patch Al, la piattaforma di e-Health vincitrice della selezione di BioUpper (che sostiene iniziative in favore della vita e grazie al quale è stato possibile realizzare il progetto di assistenza virtuale ai malati), era sbarcata a Bisceglie col chiaro intento di giocarsi la vittoria finale ed il corposo premio, utile a sostenere la piattaforma stessa.

Il suo inventore, Alessandro Monteresso, ha conseguito un Master of Healthcare Management, presso SDA Bocconi. È infermiere pediatrico con esperienza in marketing farmaceutico, centralità del paziente, oncologia e trial clinici. Monterosso ha uno spiccato spirito creativo e di leadership, ed è appassionato di startup e di soluzioni tecnologiche innovative per il settore sanitario.

È stato il neo ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, nonché ideatore ed organizzatore di DigithON, Francesco Boccia, a consegnare nelle mani del vincitore l’ambito premio di 10mila euro, messo a disposizione da Confindustria Bari-BAT, rappresentata dal presidente, Sergio Fontana; dal presidente dei Giovani Industriali, Mario Aprile; e dal consigliere Giovanni Leone. «Vincono i più votati - ha sottolineato il fondatore di DigithON e neo ministro Francesco Boccia -, ma vengono premiati tutti. Ho visto già molte grandi imprese intercettare tanti ragazzi».

«Ringrazio gli organizzatori dell’evento - ha dichiarato Alessandro Monterosso, CEO di Patch Al -. Il nostro progetto, selezionato tra le 100 start up finaliste, ci riempie di orgoglio. Ora, puntiamo ad aumentare la qualità della vita dei pazienti e a supportare le case farmaceutiche ad offrire farmaci sempre più sicuri, economici e personalizzati».

Sulla stessa linea d’onda il consigliere di Confindustria Bari-BAT, Giovanni Leone, sul palco di DigithON per le premiazioni finali: «Si chiude DigithON2019, la più grande maratona digitale nazionale, che anche quest’anno ha trasformato Bisceglie nella Silicon Valley italiana. La presenza attiva di Confindustria Bari-BAT ha aperto numerose opportunità ad investitori e giovani sviluppatori che hanno portato innovazione e ricerca dal basso, utile ai settori industriali del Made in Italy. È il momento di investire e di credere nei giovani talenti e nelle loro ricerche, dando la possibilità ai nostri migliori cervelli di rimanere in Italia e al Sud, per creare qui nuova occupazione. Lo sviluppo delle aziende, la crescita dell’economia e la creazione di nuove opportunità di lavoro passa attraverso la capacità di investire in innovazione e ricerca».

Appuntamento a DigithON 2020, per una quinta edizione che si preannuncia già ricca di progetti innovativi.

YLENIA NATALIA DALOISO

cronaca pro digithon finale 03