Forza Margherita: «Fondi Covid, proroghe parcheggi e liquidazione compensi: la produzione di nefandi atti amministrativi continua»

MARGHERITA DI SAVOIA - «Carissimi concittadini, nel condividere con Voi le ristrettezze, il disagio, il sacrificio, il distanziamento sociale ed almeno altre 100 forme di privazioni in alcuni casi anche difficili da descrivere e che l’eccezionalità degli eventi ci sta obbligando ad affrontare; non possiamo esimerci dal rappresentarVi, seppur in minima parte, che nonostante tutto la produzione industriale di nefandi atti amministrativi continua.

Certo per elencarli tutti e discuterne approfonditamente risulterebbe meno facile che raggiungere Marte; ma nella consapevolezza che un giorno l’uomo sarà in grado di farlo, gradiremmo sottoporre alla Vostra attenzione, ponendo delle domande a riguardo, 3 soli esempi del piano industriale intrapreso dai nostri amministratori comunali.

Nel rispetto cronologico del titolo il primo esempio è L’EMERGENZA COVID-19 - Tra i vari atti (ordinanze, delibere, etc.) a riguardo citiamo l’ultimo: la Regione Puglia con deliberazione n.443 del 02/04/2020, ha assegnato al Comune di Margherita di Savoia la somma di € 34.539,92 per “Emergenza COVID-19. Interventi urgenti e indifferibili di protezione sociale in favore delle persone in grave stato di bisogno sociale”. A questo punto i nostri amministratori che fanno? Con delibera di Giunta n. 51 del 21/04/2020 dispongono, con atto di indirizzo, l’utilizzo di queste somme quale sostegno economico ai titolari di attività Economico-Artigianali ubicate nel Comune di Margherita di Savoia da distribuire ai richiedenti nella misura massima di € 300,00 (trecento) ciascuno. Il Funzionario Responsabile recepisce l’indirizzo e fulmineamente con propria Determina n. 211 del 22/04/2020, ne approva l’avviso ed il relativo modulo di partecipazione. Ma non lo trovate geniale? E ancora: ma è un concorso a premi? Si partecipa? Saranno destinati anche a quelle attività commerciali che non partecipano alla spesa pubblica attraverso il regolare pagamento di tasse, concessioni e tributi comunali?

Già capire cosa c’entrano gli Interventi urgenti e indifferibili di protezione sociale in favore delle persone in grave stato di bisogno sociale con le attività commerciali e artigianali risulta difficile, ma pensare di risolvere o sostenere i problemi di questi ultimi elemosinando loro 300 euro è geniale e perfettamente in linea con le decine di decreti approvati dal Governo negli ultimi due mesi che in molti non abbiamo finito di leggere e ad oggi ancora lontani dal manifestare la loro efficacia nella pratica quotidiana.

Non sarebbe forse stato meglio impegnare quelle somme a studi di fattibilità per sostenere le attività commerciali che sicuramente quando lo sblocco arriverà saranno tenute ad osservare prescrizioni che ne limiteranno gli utili aumentandone contemporaneamente le spese di gestione generale?

Sì, ma questo non è geniale. Per i nostri amministratori questa è fantascienza.

Il secondo esempio sono le PROROGHE - La più rilevante che in questo momento riteniamo sottoporre alla Vostra attenzione è quella che ormai da due anni, mese più mese meno, viene determinata periodicamente in favore della società, o delle società ma questo non è né chiaro né certo, che gestiste i parcheggi comunali e le tanto discusse strisce blu.

A tale riguardo ci piacerebbe conoscere, aldilà della cospicua documentazione inerente gare, affidamenti, delibere, determine, proposte e pseudo transazioni, quali sono le argomentazioni ostative che ad oggi non hanno permesso all’Amministrazione di indire finalmente una gara chiara e comprensibile a tutti che metta ordine a tutta la predetta documentazione?

Senza entrare nel merito di quanto disposto dal codice degli appalti ci preme evidenziare che, anche durante questo particolare periodo di emergenza, l’ANAC con delibera n. 312 del 9/04/2020, in merito all’incidenza delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 sullo svolgimento delle procedure di evidenza pubblica, ha stabilito le modalità di espletamento e la gestione delle gare in ossequio al decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50 e s.m.i.

Già, ma se le gare non si fanno in due anni come è possibile pensare di farle in questo periodo di emergenza? È certamente più semplice ordinare al Funzionario di stabilire proroghe attraverso determina gestionale; specialmente quando i Funzionari sono stati incaricati per sottoscrivere le determine che rappresentano la volontà degli Amministratori.

Non sarebbe meglio fare le gare, ridurre il numero di funzionari o dei settori per chi ne mastica di più e aggiungere ai 34mila euro assegnati dalla Regione Puglia le indennità, gli assegni ad personam e gli stipendi che oggi regaliamo ad alcune figure professionali che non hanno senso di esistere?

Il terzo esempio è la LIQUIDAZIONE DI COMPENSI - Certamente vengono liquidati compensi quasi ogni giorno, come è giusto che avvenga in una Amministrazione pubblica, ma se ne controlla la natura?

Anche in questo caso, solo a titolo di esempio, senza entrare nel merito delle modalità di espletamento e aggiudicazione in prosecuzione della gara per la gestione dei tributi, gradiremmo informare i cittadini e conoscere, visto da ultimo la Determina del Funzionario del Servizio Finanziario Reg. Gen. n. 173 del 6.4.2020 (Impegno e liquidazione aggio su riscossioni), nonché le precedenti aventi lo stesso oggetto, quali sarebbero le attività poste in essere dall’attuale concessionario dei TRIBUTI finalizzate al recupero delle somme dovute al Comune di Margherita di Savoia da parte di ATISALE SpA?

Ci risulta al riguardo che tali somme derivano da condanna definitiva, riferita ad avvisi di accertamento precedenti all’anno d’imposta 2015 successivamente oggetto di transazione approvata in Consiglio comunale, emessa prima dell’arrivo della società attualmente incaricata del recupero delle somme dovute all’Ente, il cui iter era affidato all’allora Equitalia.

Crediamo fermamente legittimo che chi lavora debba essere pagato, ma non vi sembra che alle sproporzionate misure di compenso previste dall’affidamento non vadano quantomeno aggiunti compensi non legittimati? Inoltre, gradiremmo conoscere se la funzione del Responsabile del Servizio sia limitata a determinare l’impegno di somme da liquidare, escludendone il controllo e la legittimità della loro provenienza. Già, ancora determina, ancora volontà degli Amministratori?

Certi di non aver tediato con le nostre argomentazioni i nostri già profondamente colpiti concittadini e con l’augurio che la serenità, il benessere ed il vero significato del servizio affidato ai nostri Amministratori possano al più presto ritrovare la strada del ritorno, Vi ringraziamo per l’attenzione riservataci abbracciandoVi affettuosamente.»

Comunicato Stampa FORZA MARGHERITA (Coordinatore dott. FRANCESCO DALOISO)

box coldiretti