___________
  • Slide Barra

Il sindaco Di Feo presenta la nuova Giunta comunale: Muoio, Iannella, Iodice, Capodivento e Landriscina nell’esecutivo

TRINITAPOLI - Francesco di Feo, sindaco di Trinitapoli, eletto alle amministrative dell’8 e 9 giugno 2024, nel corso di un incontro tenuto presso l’Auditorium comunale dell’Assunta, ha comunicato le nomine dei componenti della giunta comunale. (Video - Foto)

Il primo cittadino ha chiamato ad affiancarlo nell’esecutivo: Cosimo Damiano Muoio (vice sindaco, lavori pubblici, urbanistica, manutenzione, patrimonio ed edilizia residenziale pubblica); Maria Iannella (servizi sociali, cultura, polizia municipale, traffico urbano, protezione civile e randagismo); Antonia Iodice (verde pubblico, natura, servizi cimiteriali, ambiente, servizi ecologici e arredo urbano); Maria Rosaria Capodivento (pubblica istruzione, turismo, politiche giovanili, politiche comunitarie, pari opportunità e accesso ai servizi pubblici); Giovanni Landriscina (attività produttive, commercio, eventi e spettacolo, agricoltura e sport). Il sindaco ha trattenuto per sé le deleghe riguardanti sicurezza, legalità, personale, bilancio, tributi e Ced.

Inoltre, il sindaco ha informato di aver provveduto a convocare, per le ore 10 del 24 giugno 2024, il nuovo consiglio comunale con i seguenti accapi iscritti all’ordine del giorno: convalida degli eletti alla carica di sindaco e di consigliere comunale; elezione del presidente del consiglio comunale e del vice presidente; giuramento del sindaco; nomina della commissione elettorale; comunicazione della nomina dei componenti della giunta comunale.

giunta trinitapoli 26

Nel corso dell’incontro, il sindaco ha ringraziato la Commissione straordinaria per il lavoro svolto, nei confronti dei quali ha richiesto l’applauso. E ha ricordato il suo primo intervento, all’arrivo dei commissari: “Feci subito un paragone: ‘È come quando ci si rivolge al medico che deve rimetterti in salute e fa delle prescrizioni. C’è stata una operazione di bonifica nel senso che è intervenuta su tutto ciò che aveva portato allo scioglimento del consiglio comunale. In virtù di una legge (art. 143 del TUEL) - aggiunge subito dopo - di cui sarò sempre critico e che andrebbe cambiata. Trinitapoli, ad un certo punto, si è trovata nel punto sbagliato, nel momento sbagliato. Ma adesso occorre voltare pagina, immediatamente’”.

Poi ha stigmatizzato l’atavico fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, nonostante le fototrappole, in periferia e nelle campagne con aumento dei costi per l’ente e di conseguenza per la comunità. “Occorrerà intervenire e parlarne con Ager-Puglia, l’Agenzia della Regione per il servizio di gestione dei rifiuti”.

GAETANO SAMELE