Contrasto all’evasione dei tributi, Centrodestra Margherita: «Nessuna equità. Scaricate sulle persone le responsabilità della politica»

MARGHERITA DI SAVOIA - «Carissimi cittadini, con il presente comunicato, noi del “CENTRODESTRA MARGHERITA” abbiamo deciso di sfogliare, una pagina per volta, il “triste libro politico” che sta scrivendo l’Amministrazione Lodispoto, al fine di permettere a tutti voi di avere più chiarezza su ciò che avviene durante l’operato amministrativo.

Siamo l’unica vera realtà attiva del centrodestra margheritano, che vede un lavoro di squadra per lo studio, l’analisi e le azioni da porre in essere a tutela della cittadinanza e del nostro Paese. L’avere due consiglieri di opposizione (Muoio e Scognamiglio) ci permette, altresì, di avere contezza fattiva di tutto ciò che avviene a livello amministrativo e, soprattutto, ci permette di avere una “voce” all’interno del Consiglio comunale, perché Voi tutti, concittadini, dovete sapere che c’è qualcuno che non ha paura di parlare e di affrontare tutto ciò che ritiene in contrasto con il bene del Paese... Questo qualcuno siamo NOI DEL CENTRODESTRA MARGHERITA! Non vogliamo “anelli al naso” e nemmeno “falsi protagonismi”, perché “i buoi che trainano il carro” li lasciamo fare agli altri e... non abbiamo briglie, perché vogliamo solo la libertà di azione e di pensiero per noi e per tutti i Cittadini margheritani!

Entriamo nel merito:

Egr. Sig. Sindaco,

dopo aver letto la sua dichiarazione, pubblicata al termine dei lavori, gradiremmo che i due consiglieri di maggioranza..., ehmm...chiediamo scusa di minoranza, che hanno votato a favore, ci spiegassero il significato dei nuovi regolamenti sulle entrate comunali e sulle misure di contrasto all’evasione dei tributi locali, perché, sinceramente, se loro lo hanno capito sino in fondo, noi invece riteniamo che il fondo sia stato non toccato ma abbondantemente superato!

Ciò premesso, sforzandoci di utilizzare termini semplici e non tecnici, vorremmo far comprendere ai cittadini che il Regolamento sulle misure preventive per sostenere il contrasto all’evasione, così come è stato redatto ed approvato, risulta utile solo ai fini politici in quanto nulla al suo interno indica quali sono le misure di contrasto all’evasione che il Comune di Margherita di Savoia porrà in essere per evitare che si manifestino. Il semplice rimando al Regolamento Generale delle Entrate, per regolarizzare le posizioni di irregolarità tributaria nei confronti dell’Ente, in termini di possibilità di rateazione del debito, non costituisce una misura preventiva o di contrasto all’evasione in quanto applicabile a tutti i contribuenti titolari e non, di attività commerciali.

A tale riguardo, fermo restando le diverse problematiche legate ad ogni singola tipologia di attività commerciale, che una sana politica dovrebbe analizzare per categoria al fine di individuarne ed impegnarsi a correggerne le criticità, occorrerebbe distinguerne la platea dei contribuenti tra coloro i quali chiedono all’Amministrazione (Concessioni, Licenze, Autorizzazzioni etc.) e coloro i quali sono chiamati a corrispondere il dovuto, senza nulla chiedere alla stessa se non in termini di funzionalità dei servizi pubblici.

Quale equità fiscale? L’unica equità sta nel chiamare i cittadini Margheritani, i commercianti e le diverse attività imprenditoriali a nuovi sacrifici ed aggravi economici! Basti leggere ad esempio l’art. 3 del Regolamento disciplinante misure preventive per sostenere il contrasto all'evasione dei tributi locali, che recita: “Ai soggetti che esercitano attività commerciali o produttive che si trovano in posizione di irregolarità tributaria non è consentito il rilascio di licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi e... qualora gli interessati non regolarizzano la loro posizione entro i termini stabiliti di 90 giorni, la licenza, l’autorizzazione o concessione viene revocata!”.

Tutto ciò senza tener conto nemmeno se la provenienza del debito è quella di un “negozietto a dettaglio” o di una grande attività dove vi è effettivo guadagno, perché c’è chi non paga in quanto oggettivamente non riesce proprio a pagare, in un Paese ridotto a strade fantasma!

Non vi è né equità sociale né equità economica nel trattarli alla stessa maniera, visti gli enormi sacrifici che devono fare per “lavorare-sopravvivere” in un Paese dove è completamente assente una crescita economica ed occupazionale! Nulla è stato fatto da questa amministrazione per prevenire e curare le “ferite” economiche che stanno lacerando una Margherita di Savoia ormai in ginocchio.

Addirittura, nell’art. 6 del predetto Regolamento è stabilito che chi subentra a seguito di trasformazione o cessione o fusione, subentra, altresì, negli obblighi relativi al pagamento dei tributi comunali e relative sanzioni e, se ciò non viene regolarizzato, non verranno rilasciate licenze, autorizzazioni, concessioni e relativi rinnovi.

Ci sono due modi di affrontare le difficoltà: “modificare le difficoltà o modificare te stesso in modo da affrontarle”. E voi “Amministrazione Lodispoto”, non avete saputo fare né l'uno e né l'altro, visto che nulla è cambiato o migliorato... anzi, stiamo sprofondando nelle “sabbie mobili” del degrado sociale, economico ed occupazionale.

Il sistema politico di questa Amministrazione di sinistra, tende a “scaricare sulle persone” responsabilità che sono invece da attribuire a loro, in qualità di Istituzioni. La priorità per chi riveste un ruolo istituzionale è quello di tutelare i cittadini e non di metterli nelle condizioni di “affondare nella disperazione”.

Non si può avere una società prospera e felice quando la maggior parte dei suoi membri sono poveri ed infelici! Quando parliamo di società parliamo di uomini, donne e famiglie.

Il potere ha solo un dovere: assicurare la SICUREZZA SOCIALE ALLA GENTE!

In questo “Paese fantasma”, perché tale è diventato, vediamo solo tante “sardine” ma nessun mare della speranza.»

Comunicato Stampa “CENTRODESTRA MARGHERITA”