___________
  • Slide Barra

Educazione, ambiente, imprese, contrasto alle povertà: intervista esclusiva a Tiziana De Pasquale. Idee chiare sulla sicurezza: “Istituire un Commissariato di Polizia a Trinitapoli”

TRINITAPOLI - In vista delle elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno prossimi, abbiamo intervistato l’avv. Tiziana De Pasquale, candidata alla carica di consigliere comunale nella lista n. 2 “Trinitapoli buona Politica”, ponendole alcune domande.

Vorremmo conoscere meglio la persona dietro il candidato. Quali esperienze personali e professionali ritiene abbiano maggiormente influenzato la sua visione e il suo approccio alla politica?

«Di certo gli studi hanno contribuito a plasmare il valore della politica intesa come costruzione del bene comune e del rispetto delle regole per la civile armonica convivenza.

Studiare e lavorare in una grande città e viaggiare mi ha dato tanti stimoli e tante opportunità e questo ha sicuramente contribuito a tratteggiare la visione della città che vorrei. Moderna, evoluta, vivibile, sostenibile.

Nella professione ho imparato quanto sia importante ascoltare e cercare di mediare tra posizioni contrapposte.

La convinzione che ciascuno di noi debba contribuire al progresso della comunità in cui vive credo sia nata dall’esempio paterno.»

L’educazione e le opportunità sono fondamentali per il futuro della comunità. Quali sono i suoi piani per supportare le scuole locali e creare nuove possibilità di formazione e lavoro per i giovani?

«Il protocollo per il contrasto alla povertà educativa, da poco sottoscritto (leggi, ndr), evidenzia la necessità che tutta la comunità faccia rete al fine di prendersi cura di ogni suo singolo figlio. Questo strumento sarà importante per offrire concrete opportunità di formazione per bambini e giovani con positive ricadute su tutto il tessuto sociale.

È fondamentale offrire ai nostri bambini e giovani alternative educative extra-scolastiche attraverso attività culturali, sportive e ricreative che stimolino la loro crescita personale e sociale attraverso il coordinamento dei progetti extrascolastici con apertura pomeridiana dei plessi scolastici e fruizione di spazi comuni, palestre e aule innovative.

Va favorito il tempo pieno e per far ciò è indispensabile migliorare l’offerta del servizio della mesa scolastica.

Infine, il confronto con il Consiglio Comunale dei Ragazzi appena istituito dalla Commissione Straordinaria (leggi, ndr), sarà utile per dare voce ai cittadini di domani, iniziando a realizzare fin d’ora l’indirizzo indicato da chi non ha ancora accesso al voto.»

In che modo la vostra amministrazione garantirà un ambiente sicuro e ordinato per i residenti?

«È necessaria una maggiore presenza e un maggiore coordinamento delle Forze dell’Ordine presenti sul territorio (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale, Esercito), unitamente alla richiesta di istituire un Commissariato di Polizia a Trinitapoli.

Abbiamo anche proposto la videosorveglianza in tutti gli accessi alla città.»

Le piccole e medie imprese sono il cuore pulsante dell’economia locale. Quali iniziative intende implementare per sostenere e incentivare il commercio e l’imprenditoria a Trinitapoli?

«Chi fa impresa chiede servizi e rispetto dei diritti.

Anche la cura del decoro e dell’arredo urbano può essere utile per sostenere le piccole attività commerciali. Ma le azioni prioritarie vanno fatte sulle infrastrutture: penso innanzitutto alla fibra, un’infrastruttura che sarà indispensabile potenziare (portando a Trinitapoli la tecnologia FTTH - Fiber to the Home, che garantisce una connessione molto più potente, grazie all’assenza di dispersione), consentirà notevoli vantaggi a tutte le imprese e di aprire vere opportunità di investimenti anche di operatori esterni. Assistiamo a processi di delocalizzazione di attività di impresa di diverso tipo e a fenomeni di concentrazione di centri di eccellenza nei vari settori: dotarsi di una infrastruttura adeguata è essenziale alla stregua di quelle idriche ed elettriche.

L’infrastruttura idrica mi fa pensare subito all’acqua, essenziale per l’agricoltura che è e rimane il cuore della nostra economia.

Molti terreni agricoli, un tempo irrigati con l’acqua dei pozzi, oggi sono senza acqua. Ritengo fondamentale il dialogo con il Consorzio per la Bonifica della Capitanata al fine di poter fare arrivare l’acqua anche su quei terreni, in maniera tale da poter assicurare anche a Trinitapoli come nei comuni limitrofi la possibilità di fare impresa in questo settore in maniera moderna ed efficiente valorizzando la nostra grande ricchezza.»

La sostenibilità ambientale è una delle sfide più importanti del nostro tempo. Quali sono le sue proposte per migliorare la gestione dei rifiuti, la qualità dell’aria e la promozione di energie rinnovabili a Trinitapoli?

«Riteniamo necessaria l’implementazione di fototrappole e prioritaria l’attenzione alle discariche abusive e al deposito illecito delle ecoballe; utile l’incentivo all’uso diretto da parte dei cittadini del centro di raccolta con premialità.

Nella nostra proposta elettorale c’è anche la realizzazione di impianti di compostaggio di comunità di piccola taglia finalizzati a produrre compost di qualità.

Sarà utile svolgere campagne di sensibilizzazione e potenziare i controlli.

La manutenzione e valorizzazione di aree verdi pubbliche, si può attuare e potenziare anche attraverso sponsorizzazioni private a fronte, ad esempio, di concessione di spazi pubblicitari nella stessa area verde curata.

Anche la piantumazione di nuovi alberi, preferendo specie autoctone, è indispensabile al fine di contrastare il riscaldamento globale e, nell’immediato, di mitigare il surriscaldamento delle strade durante i mesi estivi.

Infine, intendiamo promuovere, nel Comune di Trinitapoli, la creazione di una comunità energetica, modello innovativo di sviluppo sostenibile per la produzione, la distribuzione e il consumo di energia proveniente da fonti rinnovabili, con abbattimento di sprechi energetici, riduzione dei costi ed emissioni nocive.»

Redazione CorriereOfanto.it