___________
  • Slide Barra

Il dialetto sarà il protagonista di una delle iniziative della Biblioteca comunale di Trinitapoli

TRINITAPOLI - Nell’ambito de Il Maggio dei Libri 2024, non poteva mancare una giornata dedicata alle lingue madri della Puglia, cioè ai dialetti. Lunedì 27 maggio, alle ore 17:45, la Biblioteca Centrale di via Aspromonte ospiterà Francesco Granatiero, un dottore di origine garganica vissuto a Torino per più di 50 anni, che ha scritto saggi letterari e una quindicina di volumetti di poesia in dialetto. A Trinitapoli presenta il suo volume “Poesia dialettale oggi. Voci di Puglia”, un excursus sui principali autori pugliesi in vernacolo tra cui la poetessa Grazia Stella Elia (autrice del poderoso dizionario del dialetto casalino), Lino Angiuli e Luigi Ianzano, che affiancheranno l’autore. Coordinerà gli interventi degli ospiti la bibliotecaria, dott.ssa Loredana Napolitano, della Lilith med 2000, la cooperativa che gestisce le due biblioteche e che ogni anno dedica grande spazio al dialetto, presente, tra l’altro, nell’opuscolo di presentazione dei servizi bibliotecari in traduzione dall’italiano, alla pari dell’inglese.

cultura tri poesia dialetto 01

Negli ultimi due anni, le attività di promozione della lettura hanno raddoppiato il numero dei frequentatori e, nei prossimi mesi, la luminosa sede decentrata di via Primo Maggio, dopo i lavori di ristrutturazione, potrà offrire un eccezionale servizio di inclusione ai lettori che hanno diverse disabilità. Infatti, nella nuova biblioteca è stato creato un percorso tattilo-plantare per ipovedenti e non vedenti che indica dove sono dislocate le varie aree della biblioteca. Poi, è stata riposizionata la porta di entrata, affinché sia in linea con l'altezza del marciapiede esterno, che è stato dotato di rampa per disabili, prima inesistente. Se ritorna il campione paralimpico Luca Mazzone, ormai di casa a Trinitapoli, potrà entrare da solo senza essere preso in braccio come in passato.

Ora si spera, dopo tanto lavoro, che presso i nuovi scaffali possano essere collocati libri nuovi, affinché l'offerta libraria diventi più interessante e incontri i gusti dei lettori. Confidiamo nei nuovi amministratori della città affinché si introduca in bilancio un nuovo capitolo di spesa fisso destinato all'acquisto di libri, aggiungendo al patrimonio librario, di anno in anno, tutte le novità editoriali.

ANTONIETTA D’INTRONO