___________
  • Slide Barra

La scuola presidio di legalità: a San Ferdinando di Puglia un incontro di sensibilizzazione promosso dai giovani di Azione Cattolica della Diocesi di Trani

SAN FERDINANDO DI PUGLIA - La scuola può e deve essere il primo ed essenziale luogo dove arginare la penetrazione della criminalità organizzata tra i più giovani. Come? Ne parleranno illustri ospiti e studenti il 25 novembre prossimo, dalle ore 10.30, presso l’Istituto “Dell’Aquila-Staffa” di San Ferdinando di Puglia. L’incontro, intitolato “Scuola presidio di legalità. L’eredità di Don Milani e le forme di contrasto alla dispersione scolastica”, è il primo appuntamento pubblico del nuovo anno sociale promosso dai giovani di Azione Cattolica della Diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie nell’ambito del progetto ‘Semi di legalità’. L’evento si inserisce anche nel cartellone del progetto legalità dell’I.I.S.S. “Dell’Aquila-Staffa”, coordinato dalla vicepreside, prof.ssa Armonia Lucia Devangelio.

Interverranno don Michele Pace, già assistente nazionale del Movimento Studenti di Azione Cattolica, e in videocollegamento Eugenia Carfora, preside dell’Istituto Superiore “F. Morano” di Caivano (Napoli), nota per il suo impegno contro il degrado, l’indifferenza, l’abbandono scolastico e la criminalità minorile. Introdurranno la giornata i padroni di casa, il dirigente scolastico Ruggiero Isernia e la sindaca Arianna Camporeale. Modererà Alessandro Notarpietro, membro dell’equipe diocesana del Settore Giovani di Azione Cattolica.

Semi di legalità’ gode del sostegno della Prefettura BAT, della provincia e dei sette comuni della Diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie; il progetto, giunto alla sua terza edizione, è firmato dal Settore Giovani dell’Azione Cattolica Italiana e si rivolge a grandi e piccoli, nato in occasione dei trent’anni dalle stragi (Capaci e via D’Amelio, ndr) in cui hanno perso la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

«Quest’anno abbiamo voluto ripartire con gli appuntamenti, ricordando la figura di don Lorenzo Milani, poiché ci troviamo nel centenario dalla sua nascita. La figura di don Milani è molto vicina ai giovani e agli studenti dell’Azione Cattolica, in quanto proprio dal suo operato prende vita l’impegno del MSAC e il suo motto ‘I CARE’», commenta Angelo Michele Larosa, vicepresidente diocesano del Settore Giovani di Azione Cattolica e promotore, insieme a tutta l’equipe, del Progetto ‘Semi di legalità’.

Ufficio Stampa Diocesano

temi semi legalita