___________
  • Slide Barra

Nuovo servizio raccolta rifiuti e pattumelle, Galiotta: “I cittadini non informati adeguatamente”

MARGHERITA DI SAVOIA - «“Spesso giudichiamo l’inefficienza degli altri, dimenticandoci delle nostre incapacità e sconfitte.”

Ad aprile 2022 è partito il contratto per l’affidamento del “servizio di spazzamento, raccolta e conferimento dei rifiuti solidi urbani, e servizi complementari nell’ambito di raccolta ottimale BT3” per i comuni di Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli. (Leggi)

In data 05/12/2022 sulla pagina istituzionale del Comune di Margherita di Savoia veniva pubblicato il nuovo Calendario di Raccolta Differenziata per utenze domestiche con decorrenza a far data 09/01/2023.

In data 09/01/2023, sempre sulla pagina istituzionale del Comune di Margherita di Savoia, si avvisava la cittadinanza che, a seguito del mancato ritiro delle pattumelle da parte degli utenti, l’inizio del nuovo servizio veniva eccezionalmente differito al 01/02/2023 con termine ultimo per il ritiro delle “pattumelle” al 31/01/2023.

Parafrasando una celebre frase di Zalone verrebbe da chiedere ai nostri Amministratori: “Ma siete del mestiere?

E sì, perché sembra quasi che in questi 5 anni vi siate preoccupati solo di alzare la manina e di controllare mensilmente il bonifico degli emolumenti, senza aver ancora realizzato quale sia il vostro compito da amministratori.

Avete attribuito ai salinari la “mancanza” del ritiro delle pattumelle, quando invece era vostro compito informare adeguatamente la cittadinanza.

Eppure avevate tutti gli elementi per poterlo fare… Ma niente: rinuncio e vado avanti!

Nell’offerta tecnica era prevista una campagna di comunicazione e sensibilizzazione; tutte le utenze del Comune di Margherita di Savoia avrebbero dovuto ricevere una busta contenente una lettera informativa, nei giorni precedenti l’avvio della distribuzione dei kit, e altro materiale informativo.

A seguire, ogni utenza cittadina avrebbe dovuto ricevere presso il proprio indirizzo un kit di raccolta costituito da contenitori per il conferimento dei rifiuti.

Erano previsti anche incontri pubblici, sia di ascolto che di confronto con i cittadini e le attività commerciali presenti sul territorio, per permettere a tutti di porre domande, problematiche ed eventuali suggerimenti.

Di tutto questo NULLA.

Avete pensato che bastasse informare la cittadinanza sulla pagina istituzionale del Comune non tenendo conto che tanta gente anziana non è presente sui social.

Gli anziani che non hanno un’auto e che abitano in periferia come pensate possano raggiungere la pista di pattinaggio, prendere le pattumelle e portarle a casa?

Ma ancor più grave è essere arrivati il giorno dell’inizio del nuovo calendario di raccolta per rendervi conto che su 5.000 utenze solo 1.200 avevano ritirato le pattumelle.

Ma chi consegna le pattumelle vi ha mai redatto un report giornaliero?

Quando vi siete resi conto che i cittadini non si recavano a ritirare le pattumelle non era il caso di effettuare una campagna di comunicazione attraverso le chiese, le associazioni, le scuole, le attività commerciali?

E le vecchie pattumelle che fine faranno?

Continueremo a tenerle dentro casa insieme alle nuove o forse, più logico, andavano consegnate contestualmente al ritiro delle nuove?

Troppo difficile?

Va segnalato che tra le tante iniziative previste dall’offerta tecnica c’è quella che prevede per i mercati settimanali e giornalieri il posizionamento di carrellati di adeguata volumetria per i venditori di prodotti ortofrutticoli e cassonetti con maggiore volumetria per venditori di altre tipologie di rifiuti (secco residuo, cartone e plastica).

Il tutto per consentire al termine delle attività mercatali agli operatori addetti alla raccolta di provvedere allo svuotamento dei carrellati separando le varie frazioni di rifiuto.

Al termine delle operazioni di spazzamento ci dovrà essere il lavaggio delle aree interessate.

Di tutto questo ad oggi NULLA.

Tutto al termine delle attività mercatali diventa indifferenziato, senza alcuna sanzione per i mercatali e a danno dei cittadini che si ritrovano a pagare i rifiuti lasciati da chi viene nel nostro paese solo ad incassare.

Ci sarebbe tanto altro da scrivere visto che dell’offerta tecnica non è stato rispettato al momento quasi nulla.

Chiedo all’Amministrazione Lodispoto: sono state fatte le dovute e legittime contestazioni all’affidatario?

Ma Voi, in qualità di politici e dopo 5 anni di amministrazione, di cosa vi occupate?

Il vostro compito è solo quello di presenziare tutti i giorni sui social, fare comizi anche durante le manifestazioni dei bambini e dire a tutti che siete bravi e belli?

Oggi questi sono i FATTI.»

GRAZIA GALIOTTA (Consigliera comunale)